Una volta che il cinema ha raccontato in toni crudi, più o meno scioccanti o pietistici, il disagio ...

Pubblicato il da Emanuele “MrGrouchoromano” Rauco

Una volta che il cinema ha raccontato in toni crudi, più o meno scioccanti o pietistici, il disagio mentale, le piccole o grandi deviazioni, le difficoltà di essere normali, cosa rimane? La leggerezza, un racconto che non veda i malati solo come tali, forme visive e narrative che non li vittimizzino. È la chiave dei due film del 5° giorno del Torino Film Festival numero 35.

Commenta il post