The Founder (John Lee Hancock, 2016)

Pubblicato il da Emanuele Rauco

The Founder (John Lee Hancock, 2016)

John Lee Hancock sta praticando e sperimentando una nuova forma di agiografia cinematografica dedicata a marchi, loghi e brand prima che alle persone. Con Saving Mr. Banksil compito era facile: Disney è un marchio che tutti amano e Mary Poppins anche di più. Farlo con il fast food di McDonald's è operazione un po' più ardua, ma Hancock è scaltro e allora accende i riflettori su Ray Kroc, l'imprenditore che trasformò il piccolo ed efficientissimo ristorante dei fratelli McDonald in un impero globale con metodi poco corretti e ortodossi. 

In questo modo, raccontando l'ascesa, il talento imprenditoriale, lo spirito pionieristico e capitalistico cinico e spietato (mai illegale, in ogni caso) si para dai colpi di chi lo potrebbe tacciare di sviolinare l'azienda riversando sarcasmo sull'uomo (ma anche gli altri che al suo cospetto fanno la figura dei fessi) e sul sistema americano. A rimanere intonso è il proprio il marchio (glorificato in una sequenza in cui è paragonato alle chiese), il brand che ovviamente non fallisce un colpo: gli hamburger sono i più buoni del mondo, ripresi nei modi più adatti per stimolarne la voglia; il disumano sistema di velocizzazione del servizio è elogiato come fosse un balletto meccanico; il senso di famiglia e accoglienza dei ristoranti non viene mai meno. Persino quando Kroc decide di sostituire il frappè vero con le bustine solubili per risparmiare, Hancock (e lo script firmato da Robert Siegel) esalta la scelta non solo sul lato economico, ma anche su quello culinario con una sequenza in cui l'assaggio della bevanda dà risultati eccellenti. Così Hancock può utilizzare la piattezza della regia e le facilonerie della sceneggiatura per ridefinire il limite tra spot e biografia: un colpo al cerchio e uno alla botte, il lato (nemmeno troppo) oscuro del capitalismo e l'acquolina in bocca: che Kroc (un ambiguo Michael Keaton) sarà stato un poco di buono, ma è morto 30 anni fa, per cui possiamo andarci a mangiare un bell'hamburger. 

Voto: ✶½

Commenta il post